#CHIESACONVOI: Fondo San Giuseppe lavoratore

12/05/2020  - 179 letture     Coronavirus

#CHIESACONVOI: Fondo San Giuseppe lavoratore

Dallo scorso 1° maggio, memoria  liturgica di San Giuseppe lavoratore e nel calendario civile Festa del Lavo­ro, la diocesi di Crema, su espressa sollecitazione del vescovo Daniele di “dare un segno concreto di vicinanza alle persone e alle famiglie del territorio che vivono un momento di difficoltà economica a causa dell’attuale emergenza Covid”, ha costituito il Fondo #chiesaconvoi – Fondo S. Giuseppe Lavoratore.

Ente gestore è la Caritas diocesana, che s’impegna a rendicontare l’utilizzo delle risorse in modo dettagliato e trasparente sui siti della diocesi e della Caritas e periodicamente sul settimanale Il nuovo Tor­razzo.

Questo fondo – viene puntualizzato nel Regolamento costitutivo – non vuole essere alternativo all’impegno delle parrocchie nel farsi carico delle varie situazioni di difficoltà, tanto meno sostituir­si alle misure messe in campo dallo Stato, dalla Regione e dai Comuni, ma vuole integrarle cercan­do di aumentarne l’efficacia e sostenere al meglio le persone e le famiglie che, a causa della pande­mia, si trovano in difficoltà economica: per emergenza lavorativa (ad esempio perdita del lavoro, ri­duzione di orario o di entrate, cassa integrazione, attività in proprio ridotta o chiusa…), abitativa (ad esempio sfratti, morosità incolpevoli nei canoni di affitto…), o di difficoltà legate allo studio o alla salute”.

Il fondo viene alimentato da risorse diocesane, donatori privati, associazioni, istituti bancari e fon­dazioni, che possono devolvere i loro contributi utilizzando uno dei due conti bancari dedicati, intestati a Fondazione “Don Angelo Madeo” e aperti presso la Bcc Caravaggio e Cremasco  IBAN IT24 W084 4156 8400 0000 0044 283″, e presso BANCA CREMASCA e MANTOVANA CREDITO COOPERATIVO SOC. COOP., IBAN: IT 22 P 07076 56842 000000508029, indicando in entrambi i casi la causale “Emergenza Coronavirus”

Destinatari del Fondo saranno esclusivamente persone la cui difficoltà economica è insorta con il Covid-19: famiglie che hanno avuto una diminuzione del reddito, magari anche a causa della perdi­ta del familiare che era l’unica fonte di sostentamento; famiglie che a causa di spese impreviste – sanitarie, funerarie… – si trovano a vivere una fatica di tipo economico; disoccupati a causa della crisi Covid-19 (ad esempio dipendenti a tempo determinato, il cui contratto è scaduto nel mese di febbraio 2020 e non è stato rinnovato); lavoratori precari (contratti a chiamata, occasionali, soci di cooperativa con busta paga a zero ore…); lavoratori autonomi che hanno visto la riduzione o la ces­sazione della propria attività; lavoratori dipendenti in attesa della cassa integrazione, qualora la ban­ca non abbia concesso l’anticipo.

Per meglio rispondere alle diverse tipologie di fragilità, il fondo mette in atto due misure, che pre­vedono erogazioni a fondo perduto fino a un massimo di 1.000 euro al mese (a seconda dei compo­nenti del nucleo familiare) per 3 mesi, eventualmente rinnovabili per ulteriori 3 mesi.

L’iniziativa vuole intercettare persone fragili, che hanno subito una riduzione del reddito a causa di riorganizzazioni orarie o cassa integrazione, o titolari di Partita Iva che hanno visto una riduzione delle occasioni di lavoro e in particolare famiglie che normalmente non ricorrono alla rete dei Cen­tri di ascolto e dei servizi sociali, ma che si trovano in un momento di temporanea difficoltà a far quadrare i conti.

Per accedere al fondo è necessario essere domiciliati nel territorio della Diocesi di Crema e com­pilare l’autocertificazione pubblicata sul sito della diocesi.

Le persone saranno contattate successivamente da un operatore per un colloquio telefonico preli­minare e raccogliere la documentazione necessaria.

Il Vescovo nominerà un’apposita commissione che valuterà ogni singola situazione per determi­nare le modalità e l’entità del sostegno.

Parrocchie, Centri di ascolto, Patronati e Servizi sociali potranno segnalare al Centro di ascolto dio­cesano particolari situazioni di difficoltà e affiancare le persone nella predisposizione della richiesta di accesso al fondo.

Locandina fronte

Locandina fronte

Condividi:

Servizio di newsletter

Vuoi essere regolarmente informato sulle attività amministrative?
Iscrivi il tuo indirizzo di posta elettronica per rimanere sempre informato sulle notizie ed eventi...


Premendo il pulsante "Iscrivimi" sarai indirizzato ad una pagina per confermare il trattamento dei dati personali.


Contatta il Comune
Un pratico modulo da compilare per corrispondere direttamente con gli uffici comunali.


URP - Ufficio per le Relazioni con il Pubblico
Punto di incontro e di dialogo tra i cittadini e l'Amministrazione Comunale.
Uno spazio per favorire l'ascolto, informare e semplificare l'accesso a tutti i servizi e gli uffici comunali.

torna all'inizio del contenuto